danzare con tatto emotivo

Danzare con tatto emotivo

®

Danzare con tatto emotivo permette di esprimere la propria umanità.

Con il corpo che si ha e le emozioni che lo abitano.

Con la propria storia ed età.

Danzare rappresenta il superamento dei propri confini, per proiettarsi nel mondo e interagire meglio con esso, mettendo in relazione l'ambiente interno ed esterno.

®

Più che una forma di terapia,

è una proposta di formazione ed esplorazione della persona, a mediazione artistica e coreutica secondo l'approccio Gestaltico e orientata ad un benessere globale. La danza, ampliando il linguaggio del corpo rispetto ai limiti della quotidianità è esperienza che svela, avvolge, trasforma, avvicina.

Le esperienze che si vivono, fanno stare meglio con se stessi e con gli altri, mettono in contatto con il proprio corpo e la propria modalità creativa, promuovono benessere e conoscenza di sé.

Si fa esperienza della danza come arte e attraverso i processi del training, dell'ideazione, dell'elaborazione, della creazione della rappresentazione.

Si instaura così un processo di apprendimento su di sè e di elaborazione graduale che può diventare una base per il cambiamento e l'integrazione dei contenuti rappresentati.

Negli incontri ci si conosce meglio nell'unità di corpo-emozioni-pensiero, si svela a se stessi le proprie potenzialità utili a vivere meglio la quotidianità, per affrontare meglio lo stress, le relazioni, la comunicazione con se stessi e gli altri, gli eventi belli e brutti che la vita ci propone, danzando ma...non solo.


L' uso di un linguaggio poetico e metaforico, denso di corpo, riesce a diluire l'essenza dei vissuti emozionali permettendo a immagini e movimenti di forte carica espressiva, di manifestarsi senza destabilizzare e scompensare eccessivamente

Quale danza?


La danza che utilizzo è slegata dall’insegnamento di tecniche e unisce più stili e metodologie didattiche della danza contemporanea, in una sintesi sistemica di Danzeducativa, Danza Terapia (metodo Fux), Contact Improvisation (danceability e danza sensibile), Teatrodanza.


I miei recenti studi e pratiche sulla Terapia della Gestalt stanno sviluppando un’evoluzione della metodologia coreutica utilizzata, per l’integrazione del mondo emotivo e dei rapporti dell’individuo con l’ambiente.

Una danza, quindi, che ritorna ad essere espressione naturale dell’individuo, nella sua globalità, come ulteriore canale di comunicazione con gli altri, come via di benessere e sollievo. 


La metodologia coreutica che utilizzo, propone attività di esplorazione del movimento e di sperimentazione corporea in grado di alimentare la creatività personale e l’autonomia propositiva. Il linguaggio motorio di base, attraverso la stimolazione strutturata di un movimento non codificato ma libero di esprimersi, può essere così ampliato e arricchito verso forme di espressione personale, autobiografica, artistica, danzata.